giovedì 24 aprile 2014

Invasioni digitali




Invasioni digitali è una fantastica idea  nata per valorizzare l’arte italiana 

Una delle tante? No! 
E’ un’azione di grande attualità che contribuisce a promuovere l’immenso patrimonio artistico italiano attraverso la voglia della gente di raccontarlo, grazie semplicemente alla tecnologia che abbiamo in tasca.

L’elemento stimolante è proprio la voglia, che lo fa diventare un evento appassionante


Da oggi fino al 4 maggio, gli amanti dell’arte con un profilo social potranno recarsi in uno dei tanti luoghi d’arte aderenti al progetto, fare foto e video, pubblicarli, ed aggiungere la loro personale descrizione, il loro racconto

Ecco, lo storytelling di cui tanto giustamente si parla viene intessuto da ciascuno in una trama comune: gli hashtag infatti permetteranno a tutti di seguire l’evento in generale (#invasionidigitali) o qualcuno in particolare.
Io seguirò da vicino gli straordinari Giganti di Mont’e Prama (#monteprama), le affascinanti e misteriose statue, risalenti a più di tremila (!!!) anni fa, appena riportate alla conoscenza della gente. Si farà il 2 maggio


Un percorso travagliato, il loro: trent’anni dimenticati negli sgabuzzini di un museo poi un restauro decennale ed infine separate in due distanti musei, trasportate come neppure un rigattiere farebbe: la scritta “fragile" nella foto accanto ha dell’irridente.
C’è chi maligna che, valorizzandole, si costringerebbe a riconsiderare larga parte della preistoria mediterranea, con buona pace di tanta Accademia
Ma non è di questo che voglio parlare


Invasionidigitali valorizza la principale risorsa economica italiana na anche sarda: l’arte e l’archeologia. E’ bello e importante che in tanti partecipino. Come fare? E’ davvero semplice:
-     *   scegliere il sito da “invadere”, sono tutti regolarmente autorizzati. Il più vicino, o il più affascinante, qui l’elenco
-  * fotografare o filmare le opere che più ti intrigano
-   * postarle sui tuoi account: Fb, twitter, instagram e via dicendo, ricordando di aggiungere due hashtag: quello generale  #invasionidigitali e quello del luogo in particolare, nel mio caso #monteprama
-     *commentare, raccontare, dire. Aggiungerci il tuo, l’emozione che ti trasmette, il motivo per cui ti seduce e che ti porta ad ammirarle e a condividerle



     Molti siti saranno aperti gratuitamente agli invasori.
Trovo il progetto bellissimo: istruttivo, utile, divertente, socializzante. Molto più efficace, a livello promozionale, della maggior parte delle campagne di marketing territoriale. Non ha nessun costo, ma sfrutta un’energia: l’amore per l’arte e per la tua terra.

Partecipi?


Nessun commento:

Condividi qui