martedì 13 novembre 2007

Bene signori, com'è andata?


A me sembra bene. Molta gente, bisogna vedere se sono rimasti soddisfatti.
Forse ci siamo persi in qualche tecnicismo di troppo, speriamo di non avere esagerato

e che tutto fosse sì comprensibile, ma soprattutto utile.

La conversazione è stata volutamente molto lunga, più di tre ore.

Non mi interessava infatti che le persone la seguissero per intero, ma dare la possibilità anche a chi disponeva di poco tempo di seguire almeno una parte dell'incontro, per avere qualche stimolo di marketing e capire lo spirito del sito e del blog. Li chiameremo eventi a porte aperte.
Se ci siamo riusciti me lo dovete dire
voi. Alex e Mirko come al solito mi sono piaciuti molto. Stanno studiando tantissimo sullo sviluppo del Marketing Mediterraneo. Esso analizza il desiderio delle persone di ri-radicarsi in un territorio mentre allo stesso tempo ce ne sradichiamo per via della globalizzazione. Questo desiderio si soddisfa col consumo dei prodotti tipici, della musica locale, dell’abbigliamento tradizionale, di tutti i prodotti o, meglio,delle situazioni che ci aiutano a rivivere un passato, ancor più la nostra storia. Ciò spinge al marketing tribale, perché aiuta le persone a reinserirsi nei gruppi, dando soddisfazione al nostro bisogno di socialità.. Il marketing tradizionale invece si centra sul rapporto uno a uno impresa cliente. Molto invasivo: disturba da matti e si ottiene spesso l’effetto contrario, cioè che la gente non ti sopporta più.
Che dire di Eugenio, il caro vecchio
amico Jolly? Sempre grande, semplice, sincero e chiaro. Almeno per me. A voi che impressione ha fatto?
Ha parlato molto dell’importanza di identificare le persone nel loro stile di vita, in modo tale da poter comunicare con loro nel momento in cui queste desiderano, magari inconsciamente, la nostra informazione. A noi piace infatti comprare, ma non ci piace chi ci vuole vendere qualcosa. Se il prodotto viene presentato nel momento giusto e nella giusta situazione la comunicazione diventa efficace ed efficiente, cioè funziona e costa poco. Dimmi nulla…
Grande Corrado, fiduciario Slowfood per questa zona! Mi dispiace, ho l’impressione di non averlo valorizzato, di non aver fatto ben risaltare il suo ruolo nel momento: sensorialità, il rapporto tra i cinque sensi per creare un’esperienza, cioè il prodotto più desiderato.
Ma anche i suoi esempi di impresa
locale creativa: il prosciutto di pecora, un grande modo per vendere un salume nei paesi arabi sfruttando una materia prima da noi sovrabbondante, utilizzata quasi solo per il latte. Stando in tema, l’Ovinfort, dal celebre Roquefort, rifatto col latte ovino per valorizzare ancora la materia prima. Creatività, signori.
Il messaggio era forte. Grazie Corrado.

Un grazie enorme a tutti coloro che sono venuti, e a quelli che hanno voluto prendere la parola, in particolare Giuseppe e Giovanni. Dei loro interventi parleremo più avanti.
p.s. Sapete che dal sito hanno seguito l’evento in
centocinquanta? Da tutta Italia, mica male…….. A presto

5 commenti:

Furbizio ha detto...

Decisamente troppo lungo e poco incentrato sul sito e sul blog!!
Ho percepito una chiacchera che alle volte era per i soli adetti ai lavori.

Concordo con te, GRANDE CORRADO!!!

S. Boi www.plusfactory.it ha detto...

Innanzitutto CIAO a tutti.
Posso dire "IO C'ERO!"!!! E son pure rimasta per tutta la durata dell'incontro sicuramente piacevole e stimolante.
Ora son troppo stanca per dilungarmi, per cui vorrei porre l'accento su un punto sicuramente positivo: finalmente si è organizzato qualcosa che possa far smettere il coro di voci che sostiene che in sardegna non c'è nulla e non si fa nulla!
Sn stanca di sentire lamentele. ben vengano le "azioni" come queste.
A prestissimo.

pierpaolo ha detto...

mi dispiace non aver potuto partecipare alla presentazione, ma vi ho seguito dal sito

Laura ha detto...

C'ero!!! E posso dire che per me è stato un incontro bello, piacevole, interessante.
Si respirava un’aria fresca, familiare… Anche in mezzo a tante persone che non conoscevo.
Complimenti dunque! Continuerò a leggerti nel blog!

PS: Buonissima anche l’aria di rosmarino!!! Questa sera inizierò a leggere la parte introduttiva del tuo libro e ti dirò!

Carla ha detto...

Ciao, devo dire che mi ha fatto piacere partecipare all'incontro. Mi è piaciuta l'idea del rosmarino e delle chiacchere, non la solita trattazione teorica uno a molti.
Siete stati interessanti negli argomenti trattati, anche se alcuni meritavano un approfondimento maggiore, e troppo simpatici. Complimenti sopratutto agli amici di Ninjamarketing, troppo fighi!!!!
Ho gradito la loro simpatia, ma sopratutto la loro filosofia. Finalmente un approccio umano, diretto e semplice al marketing e sopratutto a chi c'è dietro, le persone.
Bello anche l'intervento di Corrado, aggiungeva quel tocco in più:complimeti anche per la scelta degli abbinamenti. Troppo buono l'ovinfort dove lo posso comprare???
Grazie Andrea e continua con iniziative di questo tipo, ne abbiamo tanto bisogno in Sardegna.
In bocca al lupo per il tuo sito...

Condividi qui